Genialate di papà e di Leroy Merlin

Papà in azione nel nuovo spot/storia/racconto di Leroy Merlin. E’ tempo di prima barba e il figlio, pari pari come ho fatto io ai miei tempi sbarbuti (perché la barba noi maschietti la vogliamo fare ai primi peli, siam dei precisini ;)), ci prova alla buona perché son quelle cose che senti un po’ tue e poi dici che caspita ci vuole. A guardare le pubblicità di quelli che si radono a petto nudo, basta una passata sventagliando e olè.

 

In realtà non è proprio così con il signor rasoio, ma è qui che il geniale papà di Leroy Merlin va di trovata. Non vengo io con il mio spadone di cavalier salvante a bullarmi/dirti/consigliarti/tagliarti la barba, ma risistemo il bagno e ualà, spuntano due lavandini. Insomma, visto che ci siamo, facciamo assieme no?

 

 

Premesso che mi rivedo nel figlio che lascia:
– asciugamano disordinato arrotolato che resta bagnato (questo lo faccio ancora ehm…);
– bomboletta orizzontale che di sicuro casca alla prima finestra aperta (son passato al rasoio elettrico con crema a confezione non cilindrica);
– vetro “decorato” (anche questo ops lo faccio ancora con l’acqua…).

 

disordine bagno

 

ho anche la fortuna di vedere, nel mio, quel papà  che attualmente continua a stupirmi con il suo fai da te che riesce a riempire con l’esempio delle idee anche lunghi momenti di silenzio (se i papà solitamente non sono dei chiaccheroni,il mio sta proprio a zero chiacchera e sempre attrezzi in mano).

 

La mia famiglia lato maschio infatti si sta evolevndo così: nonno fai da te smanettone/papà smanettone online/nipote smanettone in tutto. E quello che mi piace, come dice il mio piccolo Nicolò, è che il “mi è venuta una nuova idea, proviamo” è una cosa bellissima. Magari il risultato non sarà perfetto ma è diventata la preziosa occasione di stare insieme.

 

 E’ più di un bagno se fatto da te, dice lo spot di Leroy Merlin, perché è più di tutto se fatto da noi. La prossima papà missione? Portare questo spirito nel nostro nuovo gioco/costruzione fai da te in casa che verrà: abbiamo già una mezza idea 😉

 


Che ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *